Vai ai contenuti

Menu principale:

Presentazione

Rivista Mineralogica Italiana
Il cristallo di zolfo nell'immagine a lato è quello che ha determinato il logo della Rivista Mineralogica Italiana.
Il logo è stato disegnato da Erberto Tealdi ed è a tutt'oggi l'immagine simbolo della Rivista.
Nel corso degli anni è stata modificata l'impaginazione, ma il logo è rimasto immutato.
Il Gruppo Mineralogico Lombardo - Associazione Italiana di Mineralogia è fondatore ed editore della Rivista Mineralogica Italiana, la piú importante pubblicazione divulgativa di mineralogia esistente in Italia, diffusa e apprezzata a livello mondiale.
La Rivista Mineralogica Italiana trae le sue origini dal bollettino "Notizie del Gruppo Mineralogico Lombardo" apparso per la prima volta nel novembre 1967 in forma di foglio ciclostilato. Con questo titolo la pubblicazione ha conquistato il gradimento degli appassionati e collezionisti di minerali.
Nel 1977 per soddisfare la maturata coscienza mineralogica e incoraggiati dal notevole interesse si è deciso di migliorare la veste grafica e iconografica.
Col passare degli anni la sua posizione è andata consolidandosi, sia a livello nazionale sia internazionale, e i suoi contenuti sono continuamente migliorati qualitativamente e quantitativamente.
Tra i suoi collaboratori appaiono nomi di chiara fama, a livello professionale o amatoriale, italiani ed esteri; la Rivista è sempre aperta alla collaborazione di tutti i mineralogisti ed alle associazioni e gruppi mineralogici che vogliano proporre articoli per la loro divulgazione.
A partire dal 1998, la Rivista Mineralogica Italiana ha assunto il nuovo formato (21x29,7) che offre maggiori possibilità grafiche e valorizzazione delle immagini. Ogni articolo è poi corredato da un riassunto in inglese e in tedesco.
Sono disponibili numeri arretrati della gloriosa rivista dal 1977 al 1997 fino alle annate più recenti.
Nel 1995 è stato pubblicato l'indice generale che copre il periodo dal 1967 al 1994.
Nel 2010 è stato pubblicato l'indice generale che copre il periodo dal 1995 al 2009.
Torna ai contenuti | Torna al menu